PREMESSA

Per la legge italiana è vietato detenere fauna selvatica perchè è considerato furto ai danni dello Stato (punibile anche penalmente). Il privato cittadino che abbia soccorso un animale ferito o debilitato deve rivolgersi al più presto ai Centri di Recupero autorizzati (vedi paragrafo "Chi contattare").

Importante. Se ci si imbatte in un animale in difficoltà e si desidera soccorrerlo è bene sapere che:

  • questa operazione può comportare dei rischi qualora ci si trovi di fronte soggetti in grado di mordere o colpire con il becco, gli artigli o le corna;

 

l’intervento potrebbe non dare i risultati sperati: è infatti frequente che l’animale trovato sia da tempo in condizioni di salute precarie e che non riesca a superare lo stress della malattia e della cattura;

 

in alcuni casi è meglio non intervenire (vedi paragrafo "Come comportarsi"): prima di qualunque atto si deve osservare a distanza e con attenzione l’animale per accertarsi che abbia davvero bisogno del nostro aiuto;

 

nel caso in cui si decida l’intervento va chiamata al più presto la Vigilanza faunistico-ambientale (vedi paragrafo "Chi contattare") che procederà al recupero;

 

se dovesse essere necessario intervenire tempestivamente si può tentare (se si hanno strumenti adeguati) di soccorrere l’animale seguendo le indicazioni riportate in queste note; l’animale raccolto va consegnato al più presto ai Centri di Recupero autorizzati (vedi paragrafo ")

 

nel lasso di tempo che intercorre tra la raccolta e la consegna al Centro di Recupero, l’animale deve essere lasciato il più possibile tranquillo: manipolarlo, nutrirlo o curarlo non è affatto semplice e se non si ha esperienza si possono provocare più danni che benefici
 
se si rendesse comunque necessario fare qualcosa, si deve contattare il Centro di Recupero e concordare qualunque intervento.


COME COMPORTARSI CON UN ANIMALE IN DIFFICOLTA'

Prima di raccogliere un animale che appaia in difficoltà è bene osservarlo a distanza per qualche tempo tenendo presente che:

  • molte specie animali (insetti, ragni, crostacei, rettili, uccelli e mammiferi) si fingono morti o feriti per difendere sè o i propri piccoli da possibili predatori;
  • gran parte dei piccoli di uccello (ad es. merli, civette, allocchi, e molte altre specie) abbandona spontaneamente il nido quando ancora non sa volare bene e continua ad essere nutrita a terra dai genitori;
  • i cuccioli di cervidi (in particolare i caprioli) apparentemente abbandonati tra l'erba o il fogliame in realtà sono in attesa della madre che è andata a nutrirsi: non bisogna nè raccoglierli nè toccarli perchè l'odore dell'uomo indurrebbe la madre ad abbandonarli (questa precauzione è valida in genere per tutti i mammiferi che per il riconoscimento si basano sull’olfatto).

Dopo un'attenta osservazione se è evidente lo stato di sofferenza o infermità e i genitori dei piccoli non compaiono si può procedere alla raccolta dell’animale.

Attenzione. Per capire se i piccoli sono abbandonati è necessario attendere (facendo attenzione a non farsi scorgere) dai 30 ai 60 minuti per gli uccelli diurni e un paio d’ore, a partire dal tramonto, per gli uccelli notturni.
   I cuccioli di mammifero invece possono essere lasciati soli dai genitori per diverse ore; in questo caso quindi bisogna osservarne l’eventuale stato di denutrizione ed il comportamento: agitazione, richiami insistenti ed angosciati.
   Nel caso fossero già stati raccolti erroneamente piccoli di uccello scesi spontaneamente dal nido è necessario che vengano subito riportati nel luogo dove sono stati trovati e posti in un punto appartato, al sicuro da eventuali predatori; si consiglia di fermarsi a debita distanza (dove non si possa essere visti) per il tempo sopra consigliato, al fine di accertarsi che i genitori si facciano vivi.


 

COSA PUOI FARE PER UNA TARTARUGA MARINA IN DIFFICOLTA'

 Tutte le informazioni utili per sapere come comportarsi in caso di avvistamento di tartarughe marine in difficoltà li trovi alle seguenti pagine:

Dal sito WWF ITALIA

Dal sito del Progetto di cooperazione transfrontaliera GIONHA (Governance and Integrated Observation of marine Natural Habitat)

Importante non avvicinarsi troppo all'animale, evitare di toccarlo e chiamare subito il numero verde 1515 del Corpo Forestale o il 1530 della Guardia costiera, segnalando il luogo di ritrovamento e le condizioni dell'animale.

I centri recupero WWF e le altre strutture del Network Tartarughe del WWF Italia più vicini a Livorno sono:
Massa WWF – Tel. 0585 241768 – Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Roma WWF – Tel. 06 844971 – Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

QUALI ANIMALI SI DEVONO SOCCORRERE

Di seguito sono elencate alcune delle categorie di animali da soccorrere:

  • gli animali sicuramente feriti o palesemente denutriti e sfiniti;
  • gli uccelli con le penne delle ali e della coda rotte o strappate, non più in grado di volare;
  • i nidiacei implumi (nudi o seminudi), incapaci di muoversi, trovati a terra (quando non è possibile rimetterli nel proprio nido) oppure feriti o malformati;
  • i giovani di rondone caduti dal nido e gli adulti trovati a terra che, lanciati in aria, non sono in grado di riprendere il volo (da terra i rondoni per la particolare conformazione delle zampe, non riescono da soli a rialzarsi in volo);
  • i piccoli di rapace sicuramente rimasti soli.

Attenzione. Se ci si trova di fronte animali potenzialmente pericolosi come:

 
  • grandi uccelli dai becchi lunghi, robusti o affilati o con artigli;
  • mammiferi carnivori (ad es. volpi, faine, martore) che possono mordere e trasmettere malattie;
  • ungulati (ad es. cervi, cinghiali) pericolosi per le corna o i denti e le zanne

e non si ha esperienza e mezzi adeguati, è meglio lasciarli dove sono e segnalarne immediatamente la presenza alla Vigilanza faunistico-ambientale (vedi paragrafo "Chi contattare") indicando il luogo preciso del ritrovamento.

Nel caso di morsi o ferite provocate soprattutto da mammiferi è consigliabile rivolgersi entro breve tempo al più vicino Pronto Soccorso.


 

AFFIDAMENTO ANIMALI DOMESTICI O ESOTICI

RIPORTIAMO QUI I CONSIGLI FORNITI DAGLI ESPERTI DEL CRUMA (CENTRO RECUPERO UCCELLI MARINI E ACQUATIICI)

Tartarughe d'acqua, furetti, conigli e cavie

Problemi con tartarughe americane cresciute troppo? furetti che non potete più tenere? Cavie o conigli nani? Il CRUMA e il WWF non possono fare niente per voi, ma possiamo indicarvi chi può aiutarvi a risolvere il problema. Ricordatevi però che se avete preso un animale dovreste occuparvi di lui per sempre, un animale non è un giocattolo del quale ci si può sbarazzare una volta che non ci diverte più. Adottare un animale significa prendersi un impegno, siete stati voi a decidere di prenderlo non lui a venire da voi. La sua vita è responsabilità vostra e di nessun altro, dunque pensateci bene prima di rivolgervi a chi può prendersene cura al posto vostro. Se davvero siete nella situazione di non potervene più occupare, potete contattare le seguenti associazioni:

Per adozioni di testuggini acquatiche del tipo :

- Tartaruga orecchie rosse (Trachemys scripta elegans)
- Tartaruga orecchie gialle (Trachemys scripta scripta)

E' possibile contattare l'associazione A.R.F. che mette a disposizione un ambiente idoneo dove lasciarle. Per saperne di più visitare il sito dell'associazione all'indirizzo http://www.soccorsofauna.com/testuggini_acquatiche.html

Per adozioni di furetti è possibile contattare l'associazione furettomania, visitare il sito all'indirizzo www.furettomania.it

Per adozioni di conigli nani e cavie, contattare l'associazione animali esotici all'indirizzo www.aaeweb.net


 

NIDIACEI

 

 VEDI ANCHE FILE "SOS Pullus" scaricabile dal sito del CRUMA (Centro Recupero Ucceli Marini e Acquatici) dalla sezione "Guide Utili".

I nidiacei sono uccelli nati di recente che, a seconda delle loro abitudini, si possono suddividere in:

NIDIFUGHI

Descrizione: sono i piccoli che nascono già coperti di piumino, acquisiscono subito una certa indipendenza allontanandosi presto dal nido, che in genere è costruito per terra. Di solito hanno una colorazione mimetica.
Chi sono: anatre, gabbiani, piccoli trampolieri (limicoli), galliformi (tra cui i pulcini delle galline).
Cosa fare: se trovati in buona salute vicino a canali, paludi, greti di fiumi, spiagge o campi, devono essere lasciati dove sono, allontanandosi in fretta, soprattutto se ci sono adulti che lanciano richiami d’allarme. Se feriti devono essere raccolti.

INTERMEDI

Descrizione: sono nidiacei che nascono già provvisti d’un soffice piumino (solitamente bianco), ma rimangono nel nido e dipendono dai genitori per alcune settimane.
Chi sono: rapaci diurni e notturni.
Cosa fare: se si tratta di piccoli di Barbagianni o Civetta trovati entro un fienile, solaio o altra costruzione non vanno prelevati a meno che si abbia la certezza che entrambi i genitori siano morti o che l’edificio verrà distrutto. I piccoli di Allocco, Gufo comune e Assiolo trovati a terra in boschi, parchi, campagne vanno posizionati in alto, nel nido o su un ramo. I genitori continueranno a nutrirli (di notte, quando ce ne saremo andati).
Tenere presente che Allocco e Assiolo nidificano in buchi di alberi, il Gufo comune in vecchi nidi di Gazza o Cornacchia. Se feriti, denutriti o sicuramente abbandonati devono essere raccolti.

NIDICOLI

Descrizione: sono nidiacei che nascono ciechi e privi di piumaggio, e sono completamente dipendenti dai genitori per alcune settimane.
Chi sono: passeriformi (Merli, Passeri, Rondini, Cince, ecc.), tortore e simili, picchi, rondoni. I nidi vengono costruiti su alberi o arbusti, qualche specie cova a poca distanza dal suolo e altre entro cavità.
Cosa fare: se trovati a terra, isolati, implumi, incapaci di muoversi e fuori di un nido è conveniente riporli nuovamente nel nido se si sa dove si trovi, altrimenti è bene sistemarli nelle immediate vicinanze, in un punto sopraelevato, al sicuro dai potenziali predatori (gatti, ecc.), dentro una cassettina dalla quale non possano cadere. Se anche questa operazione risultasse impossibile è meglio raccoglierli.

PICCOLI DI RONDONE

Chi é: il Rondone è una specie migratrice, nidificante comunemente nelle città. Il colore è nerastro, è lungo 16 cm, le ali sono a forma di falce ed a punta. I nidi vengono allestiti in buchi di muri o di altre costruzioni umane. Le uova, 2 o 3 di colore bianco, vengono in genere depositate ai primi di giugno; il periodo di covata varia dai 18 ai 25 giorni.
Cosa fare: è possibile trovare i nidiacei di Rondone per terra, soprattutto in primavere piovose e fredde, che impediscono ai genitori di trovare il cibo. A causa delle abitudini dei genitori, i piccoli di Rondone caduti non possono né essere rimessi nel nido né vicino ad esso, al contrario di tutte le altre specie. Vanno assolutamente raccolti.
Per capire se il soggetto è un giovane o un adulto si deve osservare la lunghezza delle ali chiuse: se le punte sopravanzano di due centimetri buoni l’estremità della coda è sicuramente un adulto, viceversa è un giovane non in grado di volare.

 

COME AFFERRARLI

Con grandi uccelli e piccoli e grandi mammiferi in grado di mordere, è indispensabile indossare guanti da lavoro robusti e usare un telo (un asciugamano o un plaid) con cui coprirli durante la cattura: questo servirà oltre che per agevolarne la presa anche per indurli ad una maggiore tranquillità. Questi accorgimenti non sono necessari con animali palesemente innocui come piccoli uccelli, anfibi e ricci.
    Dopo averli coperti con il telo li si afferra con delicatezza ma in modo deciso: la presa sicura impedisce all'animale di divincolarsi e farsi del male.

Premesso l’uso dei guanti e del telo, ecco alcune indicazioni su come afferrare animali che potrebbero creare problemi.

Gli uccelli potenzialmente pericolosi:
  • uccelli acquatici come gabbiani, svassi, strolaghe, sule, cormorani, aironi, tarabusi e i gruiformi in genere, che hanno becchi robusti, taglienti o lunghi, vanno immobilizzati afferrando con la mano destra il becco (quando è lungo e appuntito) o il collo all'altezza della congiunzione con la testa (quando i becchi sono robusti e/o taglienti) e abbracciati con il braccio sinistro; molto pericolosi sono gli aironi (ed in genere tutti gli uccelli con i becchi lunghi e appuntiti) capaci di sferrare rapidi colpi di becco mirando al volto e agli occhi del presunto aggressore;
  • rapaci diurni e notturni (parte pericolosa: gli artigli) vanno immobilizzati afferrando le zampe con una mano e tenendo l'altra mano sopra le ali; il dorso dell’uccello va poi appoggiato contro il proprio petto e le zampe, tenute saldamente, rivolte in avanti.

I mammiferi potenzialmente pericolosi:

  • i carnivori come volpi, faine, martore e mustelidi in genere, pericolosi per i morsi, vanno afferrati con una mano alla nuca per immobilizzarne la testa e bloccato il corpo con l'altra mano per prevenire contorsioni;
  • piccoli roditori come topi, scoiattoli, ghiri e mammiferi insettivori come toporagni e talpe, i cui morsi possono trasmettere malattie, vanno afferrati per la collottola o nel caso dei topi anche per la coda; i pipistrelli, i cui morsi possono trasmettere malattie, vanno presi avvolgendoli con il palmo sul dorso, le dita a un lato e il pollice all'altro;
  • gli ungulati come caprioli, cervi, daini, camosci, cinghiali (pericolosi per le corna o per i denti e zanne) vanno presi con teli o reti e quindi lacci che serviranno a legare le zampe: anteriori e posteriori prima accoppiate e poi tra loro. Meglio bendare gli occhi per evitare ulteriori spaventi all'animale.

Con gli animali qui di seguito guanti e telo non sono indispensabili:

  • le lepri vanno presi per la collottola avendo cura di non farsi colpire dall'eventuale scalcio delle zampe posteriori;
  • gli anfibi e i rettili non velenosi possono essere raccolti con le mani o favorendone l'entrata nella scatola. Attenzione ad alcuni rettili come il Biacco e il Ramarro che sebbene non velenosi possono mordere;
  • con uccelli di piccola e media taglia è importante avere una presa sicura ma anche delicata avendo cura di avvolgere con la mano (o le mani) le ali chiuse (affinchè non si danneggino).
Per il trasporto li si porrà in una scatola di cartone robusta, forellata sui lati (con una punta di forbice) per l'aerazione. La scatola dovrà essere un po’ più grande rispetto alle dimensioni del soggetto: deve potersi muovere ma non dibattere (soprattutto nel caso presenti fratture agli arti). Per animali particolarmente agitati, come il picchio, può andar bene anche un sacchetto di tela (mai di plastica!)

 

DOVE E COME TENERLI

 
Per il periodo che va dalla raccolta dell'animale alla consegna a personale autorizzato, li si può tenere nella scatola utilizzata per il trasporto. Questa va posta in ambiente tranquillo, caldo e in penombra. Per prevenire fughe meglio una stanza chiusa senza comunicazioni con l'esterno.
   Qualora sia opportuno offrire del cibo o dell'acqua (vedi paragrafo "Come nutrirli") si può praticare una finestrella rettangolare (circa cm. 5-6 di altezza per cm.10 di lunghezza) in basso nella scatola, tagliando solo tre lati, in modo che il "battente" resti congiunto all'angolo della base della scatola; il "battente" deve potersi abbassare (per l'introduzione di alimenti) e richiudere con una lieve pressione verso l'alto.
   Per gli uccelli di piccola e media taglia si può inserire nella scatola, sollevata dalla base qualche centimetro e posta obliquamente tra le pareti dello scatolone, un’asticella tonda (un rametto, una matita) che funga da posatoio.
   Per i mammiferi che usano nascondigli (ad es. i roditori come ghiri, scoiattoli, topi, ecc.) si può mettere all'interno della scatola un vecchio maglione.
   Per i rettili si può mettere un fondo di terra, vegetazione e sassi.

Attenzione. Mammiferi roditori, scavatori o dotati di robuste dentature possono bucare il cartone (alla lunga anche gabbiani, corvi e cornacchie). Con animali particolarmente agitati è preferibile usare scatole di legno o di plastica (ben aerate; se ne trovano nei negozi di articoli per animali) oppure gabbie oscurate con un panno. Di norma, soprattutto con i volatili, le gabbie sono da evitare.
    I nidiacei vanno posti in un sottovaso o un cestino di dimensioni sufficienti (importante per i rondoni affinché non si rovinino le lunghe ali), imbottito con stracci morbidi (mai ovatta) e foderato internamente con della carta da cucina da sostituire quando è sporca. Il tutto va messo in una scatola per scarpe o di cartone coperta con un pezzo di zanzariera fermato con un elastico. Vanno tenuti al caldo, ad una temperatura di circa 30-35°C (attenzione: se il pulcino sta con il becco aperto e respira a fatica significa che ha troppo caldo).


 

COME NUTRIRLI

 

Se il lasso di tempo che intercorre tra la raccolta dell’animale e la consegna a personale autorizzato è breve (poche ore) non è necessario dargli da mangiare. Si potrà invece, se è un adulto, mettere a sua disposizione un po’ d’acqua in un contenitore poco profondo (per piccoli animali può andar bene il coperchio di un vasetto di marmellata); se è un cucciolo di piccola taglia o un nidiaceo meglio non mettere nulla perché potrebbe annegare anche in poca acqua.
    Se, per qualche motivo, il tempo di degenza dovesse essere più lungo e l’animale apparisse affamato si può provare a nutrirlo. E’ comunque importante, prima di offrire qualunque cosa al “degente” contattare la persona esperta che potrà indicare il cibo adatto e la quantità necessaria per ogni tipo di animale. Nel caso non si fosse riusciti a mettersi in contatto con l’esperto, per i primi interventi si possono seguire le indicazioni qui sotto riportate:

  • per mangiare gli animali hanno bisogno di luce: è quindi necessario aprire la scatola in alto ponendovi sopra una rete di plastica o di metallo oppure aprire la finestrella in basso purché l'animale non riesca a scappare;
  • se l’animale non mangia spontaneamente è meglio non forzarlo e portarlo al più presto al Centro di Recupero;
  • sia agli adulti sia ai piccoli non si deve mai somministrare latte;
  • per i volatili, come alimento “universale di emergenza” si può usare omogeneizzato di manzo o carne tritata magra (tranne che per piccioni, tortore e anatidi per i quali è indispensabile consultare l’esperto).

 

NIDIACEI

Cibo: è bene sapere che imbeccare un piccolo di uccello non è un’operazione semplice. Si può però ugualmente tentare. Normalmente i piccoli affamati richiedono il cibo spalancando il becco ad ogni minimo stimolo: è questo il momento in cui gli si somministrerà, con una siringa per insulina senza ago, del pastone per insettivori (vedi tabella che segue, al punto 4) o omogeneizzato di manzo ammorbiditi in un po’ d’acqua. Attenzione: la siringa dovrà essere inserita ben in fondo alla gola (in modo deciso ma delicato) per evitare che l’alimento entri nelle vie aeree soffocando il pulcino.

Frequenza dei pasti: se implume il piccolo andrà imbeccato ogni 10-15 minuti circa; se già coperto di piume ogni 30-40 minuti circa (dalle 7 del mattino alle 9/10 di sera).
Quantità per ogni pasto: somministrare piccole porzioni per volta (per evitare rigurgiti che potrebbero ostruire la trachea) e continuare fino a che il gozzo del pulcino non appaia pieno.
Bevande: dato che assumono con il cibo umidità sufficiente, non occorre dare loro da bere. Attenzione: somministrare acqua può essere pericoloso perché è facile che vada in trachea provocando affezioni, spesso mortali, alle vie respiratorie.

 

PICCOLI DI RONDONE

 Cibo: introdurre il più vicino possibile alla gola alcune tarme della farina (tenebrioni) o del miele (reperibili in negozi per animali o di pesca; vedi tabella che segue al punto 3). private della testa (che risulterebbe irritante per la gola dei pulcini).

Frequenza dei pasti: ogni mezz’ora se è molto piccolo; un’ora e mezza se è già grandicello (come per i nidiacei dalle 7 del mattino alle 9/10 di sera).
Quantità per ogni pasto: fino a che non appaiano tranquilli.
Bevande: come per i nidiacei.

 

PICCOLI DI RAPACE

 Cibo: avvicinare al becco dell’uccello piccoli pezzetti di carne cruda (manzo magro o coscia di tacchino): deve essere lui ad afferrare il cibo e inghiottirlo.

Frequenza dei pasti: 5/6 distribuiti nell’arco della giornata (si possono nutrire di giorno anche i piccoli di rapace notturno).
Quantità per ogni pasto: fino a che non appaiano tranquilli.
Bevande: di norma non è necessario dare loro da bere, ma si possono leggermente inumidire i bocconi di carne.

 

PiICCOLI DI UCCELLI ACQUATICI

Cibo: somministrare omogeneizzato di manzo o di pesce in piccole porzioni con una siringa da insulina se il soggetto è di piccola taglia (come il martin pescatore); porzioni e siringa un po’ più grandi se il soggetto è di taglia maggiore.

Frequenza dei pasti: 5/6 distribuiti nell’arco della giornata.
Quantità per ogni pasto: fino a che non appaiano tranquilli.
Bevande: dato che assumono con il cibo umidità sufficiente non occorre dar loro da bere.

 

CUCCIOLI DI MAMMIFERI

Piccoli di cervidi, ricci, lepri, volpi, ghiri, scoiattoli, faine, pipistrelli, ecc., richiedono cibi particolari e differenziati da somministrare con biberon adatti ad ogni tipo di animale: è indispensabile, in questi casi, mettersi in contatto con il personale esperto.

 

ANIMALI ADULTI

 

Mettere a disposizione dell'acqua in un basso recipiente e cibo secondo la tabella che segue (II cibo giusto per tutti)

 
Categoria  Cibo preferito/Alternativo
Uccelli
Svassi e Strolaghe, Sule, Cormorani, Aironi, Cicogne pesce crudo o carne a strisce
Falco pescatore pesce crudo, spesso accettato solo se vivo o carne cruda
Gallinelle, Porciglioni, Folaghe e altri rallidi carne o pesce crudo in piccoli pezzi o granaglie
Trampolieri (uccelli di palude dalle zampe lunghe) carne e pesce crudi in piccoli pezzi, vermi marini, lombrichi, larve della farina e di mosca
Gabbiani e Sterne carne e pesce crudo o pane, pasta ecc.
Urie, Pulcinella e Gazze marine pesce crudo
Martin pescatori pesciolini crudi o carne cruda in piccoli pezzi
Oche, Cigni e Anatre miscela di granaglie o farinacei
Galliformi come Fagiani, Quaglie e Pernici miscele di granaglie
Rapaci diurni carne cruda, quaglie d'allevamento
Gufi, Civette e altri rapaci notturni carne cruda, quaglie d'allevamento
Cuculi carne cruda in piccoli pezzi, larve della farina
Tortore, Piccioni ecc. miscela di granaglie o pane e briciole
Upupe e Picchi carne cruda in piccoli pezzi, larve di mosca e tenebrionidi
Rondoni, Succiacapre carne cruda, pastoni per insettivori
Passeriformi insettivori Allodole, Rondini, Ballerine, Averle, Storni, Capinere e altri; Silvie, Pettirossi, Merli, Tordi, Regoli e Luì, Balie, Saltimpali, Usignoli, Scriccioli, Cince ecc. larve di mosca e tenebrionidi per i più grossi, pastone per insettivori, pezzettini di carne cruda talora frutta fresca
Passeriformi granivori Passeri, Fringuelli, Cardellini, Zigoli ecc. e anche Tordi, Merli, Pettirossi ecc. miscela di granaglie, pastone per granivori, per alcuni anche pastone per insettivori, frutta fresca
Passeriformi onnivori Gazze, Corvi, Ghiandaie, Cornacchie, Gracchi ecc. carne cruda, granaglie, pastone o pane, pasta, frutta
Mammiferi (adulti)
Volpe carne cruda, quaglie d'allevamento e frutta o mangime per cani
Pipistrelli insetti, larve, e carne cruda
Faine e Donnole carne cruda e quaglie d'allevamento mangime per gatti
Riccio chiocciole, insetti, carne cruda e uova o mangime per gatti
Cinghiale carne, farinacei, frutta e verdura o pane, pasta ecc.
Caprioli, Daini ecc. fieno, foraggio

Nota bene:

  • per carne cruda si preferisca muscolo, cuore o macinato;
  • per pesce crudo si intende sia di mare che di acqua dolce, fresco (meglio) o scongelato; se offerto intero va presentato dalla testa;
  • le larve di mosca e della farina (tenebrionidi) vanno decapitate perché da vive potrebbero irritare e lesionare la mucosa gastrica (possono essere acquistate in negozi di articoli per animali);
  • pastoni per granivori e insettivori possono essere acquistati in negozi di articoli per animali;
  • salvo per i rapaci che sono abili nel dilaniare la carne, è importante che le dimensioni dei pezzi di carne o di pesce, le larve di mosca e i tenebrionidi siano di taglia idonea a poter essere inghiottiti interi come in uso presso la maggioranza delle specie di uccelli;
  • l’offerta di quaglie o pulcini d’allevamento interi, come anche colli e teste di pollo ai rapaci diurni e notturni, è consigliata per arricchire la dieta.

 

SITUAZIONI PARTICOLARI

 

RICCI IN LETARGO DISTURBATI

Se, durante l’inverno, si rinviene un riccio in letargo sotto una catasta di legno o in qualche anfratto del giardino o del garage, conviene lasciarlo dov’è senza alterare il suo “giaciglio-nascondiglio”. E’ infatti importante che durante il letargo la temperatura non scenda costantemente sotto i 6°. Il riccio sceglierà la tana con questo criterio e quindi non dobbiamo alterarne la struttura che gli garantisce questo vitale “microclima”.
    Nel caso il riccio si sia mosso dal suo giaciglio è possibile, prima di riporlo nella sua tana o che trovi un altro riparo, offrirgli un po’ di cibo (vedi tabella).
 
UCCELLI CONTRI I VETRI 
Può capitare che piccoli uccelli vengano a sbattere contro le vetrate di balconi e finestre. In alcuni casi l’impatto può essere così violento da provocarne la morte. Più spesso provoca solo una transitoria perdita di coscienza: in questo caso si deve porre l’uccello in una scatola buia, in un posto caldo e tranquillo, attendere la sua ripresa (di norma entro pochi minuti) e, quando si è certi che abbia recuperato completamente, liberarlo aprendo la scatola fuori dalla finestra.
    Per evitare questi inconvenienti si possono applicare ai vetri delle finestre sagome di uccello (solitamente di falco) che rendano visibile la superficie o comunque impauriscano i piccoli volatili (si possono reperire presso la LIPU o dai rivenditori di articoli per animali).
 

 

CHI CONTATTARE

 

Utilizzate i contatti forniti con i Centri di Recupero della zona specializzati nella cura del tipo di animale in questione.

Seguite le importanti indicazioni del documento realizzato da CRUMA, LAV e GAV Lipu scaricabile dal sito http://www.cruma.org/ scegliendo nel menù principale GUIDE UTILI e poi LIVORNO, ENTI TUTELA ANIMALI.

Per segnalare illeciti contro l'ambiente potete contattare anche le Guardie Volontarie del WWF che operano in Toscana.


 

CENTRI DI RECUPERO

 

Centri di recupero in TOSCANA

 Nome Associazione Indirizzo Telefono E-mail/Sito Internet
CRASM WWF S.P. 34 "Fibbianello" - Km 3,5 - 58055 Semproniano (GR)

0564-986264

Marco Aloisi

333 4102143

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
CRAS "l'assiolo" WWF Loc. Ronchi - Marina di Massa (MS)

0585-241768

Luca Giannelli

333 4800719

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.wwf.it/massacarrara

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

C.R. Rapaci LIPU Via Ponte a Vicchio,48 - Vicchio del Mugello (FI)

347 8781971

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.lipu.it/oasi/oasiDettaglio.asp?50

C.R. Uccelli marini e acquatici CRUMA LIPU Loc. Cisternino - Livorno 0586-400226 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.cruma.org

 

Oppure potete anche:

 

  1. telefonare al Corpo di Polizia Provinciale, Via Garzelli, 11 - 57128 Livorno. Tel. 0586-502971 - Fax 0586-502597;
  2. telefonare al Corpo Forestale dello Stato, Corpo Forestale Dello Stato 
    V. Degli Asili 35 57126 Livorno. Tel. 0586-891001.
  3. per tartarughe marine vedi sezione specifica

 

BIBLIOGRAFIA

 

  1. Lambertini M., Palestra L. “Nati liberi”, franco muzzio editore, 1995
  2. Hülsmann E. “Che fare? manuale pratico per il salvataggio di uccelli caduti dal nido o infortunati”, Edagricole, 1998
  3. Calandra S., Del Muto M., Trezza R. “Ecologia, biologia e soccorso uccelli feriti - Primo soccorso”, 1997, sito web della LIPU
  4. “Uccelli in difficoltà”, elaborazione di un pieghevole in distribuzione presso il Centro Recupero Fauna Selvatica di Roma, sito web della LIPU di Padova.

 

CREDITI E RINGRAZIAMENTI

 

Redazione a cura di Biancamaria Nizzola. WWF Italia. Sezione Regionale Friuli Venezia Giulia. Udine. Ultima revisione: marzo 2004 (WWF Bassano ONLUS).

Si ringraziano Barbara Sovich Cocianni per la consulenza e il WWF Veneto per la gentile concessione.

 

 

 

 

Calendario eventi

Gennaio 2019
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31

 

Joomla Extensions

N.B.: questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Per saperne di piu'

Accetto